Fiera del Libro LGBT

Bookout: oltre 1500 presenze, grande successo per la prima fiera del libro gay

Si è chiusa oggi alle 19 Bookout, la prima fiera nazionale del libro a tematica gay, lesbica e trans organizzata da Arcigay Pisa con il contributo di Cesvot, il centro servizi volontariato Toscana.
L’evento, al suo debutto nel panorama nazionale, va oltre ogni più rosea aspettativa con un’affluenza superiore alle 1500 persone provenienti da tutto il Paese.

“E’ la prima volta in Italia che il libro a soggetto gay trova spazio di espressione, diffusione e promozione, ed era scommessa molto difficile, ma, possiamo dire ampiamente vinta”, spiega il presidente di Arcigay Pisa Marco Michelucci.

La fiera è stata inaugurata dal sindaco di Pisa Marco Filippeschi, alla presenza di rappresentanze istituzionali della Provincia di Pisa e dei presidenti delle maggiori associazioni lgbt italiane, Arcigay e Arcilesbica. All’apertura Francesco Gnerre, critico letterario e docente dell’Università Tor Vergata di Roma, si è misurato con l’omosessualità e la toscanità di tre pilastri della letteratura italiana: Gadda, Palazzeschi e Santi.

I visitatori

Sono stati più di 1500 i visitatori della Fiera che hanno assistito agli oltre trenta incontri negli spazi della prestigiosa Stazione Leopolda di Pisa: un pubblico variegato che si è confrontato con l’eccellenza della proposta culturale LGBT.

Il numero è di tutto rispetto per una manifestazione che promuove un mercato spesso considerato marginale dai grandi operatori di settore e a dimostrarlo è il dato delle vendite e la piena soddisfazione delle case editrici, grandi e piccole, presenti in fiera.

E’ rilevante anche l’interesse per il fuori catalogo e l’antiquariato: tra gli altri, sono stati venduti in fiera un rarissimo testo degli anni ‘20 di Magnus Hirschfeld (tra i primi militanti gay) e matite di primo novecento di nudo a testimonianza di un pubblico attento, raffinato e propenso all’acquisto.

Libri e spettacolo

Per tre giorni gli incontri con gli autori hanno animato Bookout. Tutto esaurito e posti in piedi per i big: Ivan Cotroneo, Matteo B. Bianchi, Tommaso Cerno, il senatore Gianpaolo Silvestri e Delia Vaccarello; autori che hanno intrattenuto il pubblico affrontando temi appassionanti, dall’omofobia, all’adolescenza e il coming out, fino all’esperienza trans.

Vivace è stato l’interesse per il fumetto lgbt, raccontato da Susanna Scrivo, autrice di Nuvole e arcobaleni (Tunuè Ed.) e da Massimiliano De Giovanni di Kappa editore che ha portato in fiera in anteprima Vita da Genio del tedesco Ralf König e molto affollato il banco espositivo degli yaoi di Tekke editore.

Piace la saggistica queer con Flavia Monceri e il suo Oltre l’identità sessuale (Ed. ETS) e hanno seguito gli autori all’esordio come Vincenzo Perrellis con il suo Oltre (Pellegrini ed.) e Antonio Selmi con Il postulante (WLM). Per il pubblico femminile, da registrare, l’exploit di vendite per l’editore Il dito e la Luna con le novità Il libro di Tommi suggerito ai genitori gay e Maschio e femmina Dio li creò!? di Lorenzo Bernini.

Vincenti e dibattute anche le tematiche politiche come il rapporto storico tra comunismo e omosessualità raccontato da Enrico Oliari e il suo Omosessuali, compagni che sbagliano (Prospettiva Ed.), religione e omosessualità nel romanzo di Biagio Arixi, Figlio di Vescovo, (E. Croce) e i miti e titani della cultura omosessuale spiegati da Vincenzo Patanè in Oasi gay (Cicero ed.).

Molta attenzione per Il Saggiatore che ha presentato in fiera in anteprima assoluta Jean Genet, Opere narrative – una pubblicazione in occasione del centenario della nascita dell’autore che contiene in edizione integrale Il diario del ladro, Miracolo della rosa, Querelle de Brest, Pompe funebri e Notre Dame des Fleurs. L’editore ha anche annunciato la pubblicazione di Trans dieci storie di corpi in transito di Maddalena Oliva e di Quando eravamo froci, gli omosessuali nell’Italia della dolce vita di Andrea Pini.

Infine, grande pubblico anche per lo spettacolo “La versione dell’acqua”, coinvolgente recital tratto dal romanzo Acqua storta di Roberto Carrino su camorra e omosessualità.

Il dibattito

Bookout, a partire dai libri, ha promosso anche il dibattito politico con Ivan Scalfarotto, vice presidente del PD e autore di In nessun paese (Piemme Ed.), Alesso De Giorgi, direttore del maggiore sito gay di informazione italiano Gay.it, Saveria Ricci di Rete Lenford – avvocatura per i diritti LGBT e, in video-collegamento da Vienna, Matteo Bonini Baraldi autore di Famiglia de-genere (Mimesis ed.). Il dibattito ha mostrato un movimento LGBT che si interroga vivacemente sulle strategie da mettere in campo per l’acquisizione di diritti con l’obiettivo prioritario di una piena parità tra tutti i cittadini a prescindere dal loro orientamento sessuale e dalla loro identità di genere.

Il superamento delle discriminazioni è il secondo macrotema affrontato a Bookout, con Francesco Bilotta, della Mimesis editore, Fabrizia di Stefano e Nicole De Leo, autrici di Elementi di critica trans (Ed. Manifesto libri), Antonio Rotelli, presidente di Rete Lenford, Alessandro Grilli dell’Università di Pisa e Elena Tebano, regista del documentario Diversamente Etero.

Il futuro di Bookout

Operatori di settore, lettori, autorità, sono molte le dichiarazione di soddisfazione per un appuntamento, auspicato da più parti, ma che fino ai ieri non esisteva nel panorama nazionale. Bookout ha tutte le carte in regola per diventare un punto di riferimento nel dibattito pubblico su tematiche spesso poco valorizzate, con reali prospettive di crescita nei numeri e nei contenuti.

Gli organizzatori, che ringraziano tutti i partecipanti e i volontari che hanno reso possibile l’evento, spiegano che cercheranno di reperire le risorse necessarie per una seconda edizione di Bookout proponendosi di mettere in campo nuove sinergie istituzionali affinché si possa garantire all’appuntamento la continuità che merita.

Già il prossimo mese, gli operatori di settore che si rivolgono al mercato gay, apriranno un tavolo con Arcigay per studiare strategie di promozione del settore.

Tra le idee infine per un Bookout 2 quella di un premio letterario e una mostra antiquaria e spazio per il giornalismo tematico, e la speranza che l’anno prossimo i riflettori si possano riaccendere sui libri e gli autori che danno voce alla diversità affrontando le tematiche gay, lesbiche, bisessuali e trans.

IL PROGRAMMA COMPLETO DEGLI EVENTI: http://bookout.it/programma

Bookout è promosso da Arcigay PISA.

Arcigay Pisa realizza da più di dieci anni progetti dedicati alle differenze di orientamento e identità sessuale e contribuisce all'inclusione e alla visibilità delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) a Pisa e nella provincia, attraverso percorsi formativi, campagne di informazione e di sensibilizzazione, attività ricreative ed eventi culturali aperti a tutta la popolazione.

Con il contributo di
CESVOT (Centro servizi volontariato Toscana), Unicoop Firenze - Sezione Soci Pisa, Colors, Gay.it, Mamamia, MyKeta, RMX, Stupid!a.

Con il patrocinio di
Regione Toscana, Assessorato alla Cultura della Provincia di Pisa, Assessorato alla Cultura del Comune di Pisa, Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Pisa, Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Pisa, Assessorato alla Cultura della Provincia di Pistoia, Assessorato alla Cultura del Comune di Pistoia, Quartiere 1 Firenze, Cesvot.

Partner
Arcigay Pisa, Arcigay Grosseto, Arcigay Firenze, Arcigay Pistoia, IREOS Firenze, Arcigay Toscana, Arcigay Livorno, Arcilesbica Pisa, Arcilesbica Firenze, Arcigay, Arcilesbica.

Dicono di Bookout...

Calendario

«  
  »
L M M G V S D
 
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31