Fiera del Libro LGBT

Pisa, Apre Bookout, fiera del libro gay. Il sindaco: i gay sono una risorsa

Ha aperto i battenti questa mattina alla Stazione Leopolda di Pisa Bookout, la prima fiera nazionale del libro gay, lesbico, bisex e trans All’inaugurazione, dopo il saluto e i ringraziamenti di Marco Michelucci, Presidente di Arcigay Pisa, ente organizzatore dell’evento, che ha sottolineato la vicinanza alla giornata di mobilitazioni in difesa del diritto alla cultura che si celebra proprio oggi, è intervenuto il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi

(Pd).

Per il sindaco della città “Bookout è la rappresentazione dello sforzo di rappresentare culture che hanno estremo bisogno di spazio e di affermazione. Lo spazio che Bookout si è conquistata è garanzia di civiltà e democrazia e attesta che Pisa è un punto di riferimento per le battaglie dell’universo omosessuale. Siamo molto contenti di essere un punto di riferimento, con una città curiosa e pervasa dall’interesse per la cultura, per il tessuto associativo gay”.

“Voi siete una risorsa per la città e spero che l’iniziativa possa diventare ricorrente” ha concluso Filippeschi.

L’Assessore alla cultura della Provincia di Pisa Silvia Pagnin, per parte sua, ha portato alla manifestazione il saluto del Presidente della Provincia Enrico Pieroni e considera la fiera del libro lgbt un’operazione “culturale dal taglio alto e una risorsa per la forte proposta culturale che porta con se”.

“L’idea è quella di promuovere culture che hanno più difficoltà ad emergere”, ha spiegato, suggerendo “sinergie tra Bookout e Pisa Bookfestival, la fiera dell’editoria indipendente che si tiene sempre a Pisa per dare spazio alle voci più libere, schiacciate oggi.

L’assessore comunale alle Pari Opportunità Maria Luisa Chiofalo (Pd) ha aggiunto “Bookout è uno spazio che da voce alla diversità e iniziative come queste servono soprattutto alla comunità non lgbt in un momento di forte appiattimento culturale. Quelle di Berlusconi non sono battute ma esemplificano ed esprimono lo stato di questo sistema democratico e rappresentano un Paese nel quale non ci riconosciamo”.

Per l’associazionismo gay ha parlato Paolo Patanè, presidente nazionale di Arcigay “Bookout è un modo per combattere la disinformazione che circonda il mondo lgbt. In questa fiera c’è l’espressione alta di un mondo di gioie e dolori finalmente rappresentato nella sua realtà e non filtrato dalle lenti di pregiudizi e stereotipi. Arcigay si impegnerà a promuovere scrittori che trattino le tematiche lgbt e a breve incontreremo gli addetti di settore per discutere insieme politiche di sostegno ad un’editoria di cui si parla ancora troppo poco per nulla” e Francesca Polo presidentessa di Arcilesbica: “gay, lesbiche e trans sono produttori di cultura e abbiamo delle eccellenze da proporre. Bookout è il posto giusto per farlo”.

Stefano Bolognini

Ufficio stampa Arcigay

Dicono di Bookout...

Calendario

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30